Il progetto NO WALLS MORE WORDS è un progetto sportivo articolato in vari momenti. Quello centrale sarà il viaggio in bicicletta da Amsterdam a Roma: circa 1800 km, attraversando l’Europa per parlare di accoglienza, mutuo supporto e dialogo interculturale. È infatti previsto in itinere l’incontro di varie NGOs con mission affini per parlare di “no hate speech” per superare le barriere che ci impediscono di accogliere e saper ascoltare gli altri.

 Durante la traversata dei otto paesi: Olanda, Belgio, Lussemburgo, Francia, Germania, Svizzera, Liechtenstein, Italia, abbiamo cercato di coinvolgere le associazioni attraverso attività dinamiche e li abbiamo invitati ad accompagnarci per la tappa successiva.

 Un tandem di persone che passo dopo passo ha collegato l’Europa da Nord a Sud. Abbiamo portato avanti anche degli incontri nelle scuole su tutto il territorio nazionale per poter fare un confronto tra aspettative ( incontri prima del viaggio ) e l’esperienza ( incontri post viaggio ).

 Le scuole sono state il punto nevralgico di tutto il progetto, il luogo dove abbiamo cercato di spronare le menti assopite e tentato di creare dei ponti tra gli studenti e i ragazzi europei.

OBIETTIVI

 – Creazione di “ponti” attraverso l’Europa

 – Sensibilizzazione sul tema dell’accoglienza, mutuo supporto e dialogo interculturale

– Confronto e disseminazione per la campagna “no hate speech”

– Motivare i giovani a perseguire i propri obiettivi

– Promozione dei trasporti ad impatto zero

 Questo progetto rispecchia gli obbiettivi della strategia EUROPA2020, attraverso il programma ERASMUS+, promuovendo la mobilità giovanile, rafforzando lo spirito d’iniziativa degli studenti, la consapevolezza interculturale e la partecipazione attiva nella società.

QUANDO E DOVE

Il progetto si è svolto dal 15 Febbraio 2017, quando siamo entrati in contatto con scuole e NGO, e si è concluso a Maggio dopo l’esperienza in bicicletta da Amsterdam, attraverso Olanda, Belgio, Lussemburgo, Francia,Germania, Svizzera e Liechtenstein, arrivando in Italia e infine a Roma.

Facebook
E-mail